Blog LA SCHIZOFRENIA ORGANIZZATIVA: IL MOTIVO PER CUI MOLTE PICCOLE MEDIE IMPRESE SMETTONO DI CRESCERE | Paolo Ruggeri - Miglioramento personale, crescita imprenditoriale
Blog
28/06/2020
LA SCHIZOFRENIA ORGANIZZATIVA: IL MOTIVO PER CUI MOLTE PICCOLE MEDIE IMPRESE SMETTONO DI CRESCERE
Quasi ogni azienda ha tre "macro ruoli" al vertice: quello di Responsabile Amministrativo, quello di Responsabile delle Operations (colui che sovraintende la produzione o l'erogazione dei servizi) e quello di Responsabile Marketing e Commerciale (colui che porta gli ordini e i clienti).

In una piccola e media impresa di solito il titolare non ha abbastanza risorse economiche per permettersi di delegare tutte e tre queste funzioni e quindi, di solito, ne svolge una in prima persona mentre sovraintende le altre due. Anche se non perfetto, questo sistema può rimanere in equilibrio per un po', a patto che sulle altre due funzioni egli abbia una persona davvero AUTONOMA. Questo non sarebbe il caso, per esempio, nel momento in cui egli si trovasse a fare il Responsabile Commerciale mentre ha una figura in Amministrazione che non è in grado di recuperare i crediti in modo autonomo o, altro esempio, non avesse un incaricato della Produzione in grado di fare autonomamente gli acquisti o il programma di produzione.

In entrambi questi casi, infatti, anche se sulla carta dovrebbe aver delegato, di fatto egli si trova a dover gestire più di uno dei macro ruoli dell'impresa. Quando questo avviene l'azienda tende a bloccarsi e smette di crescere. Ciò perché l'azienda sviluppa una malattia che io chiamo "schizofrenia organizzativa".

Ognuno tra i macro ruoli sopra indicati, per essere svolto al meglio, necessità di un tipo di personalità ben specifico: chi gestisce il Commerciale di solito deve essere amichevole e, alle volte, anche un po' "di manica larga" con i clienti e con i venditori... "Vero che l'altra fattura ancora non è stata saldata, ma dai vedo comunque di farti arrivare la merce...". Oppure: "Accidenti vi ho detto 1000 volte che per consegnare in 48 ore ci dovete far arrivare l'ordine entro le 18:00 e ora sono le 19:45.... Dai cerco di andare in produzione e vedo che cosa si può fare..." Nella stessa situazione l'Amministrativo dovrebbe invece essere fiscale al 100%: "No, se non ci paga la fattura non spediamo, anzi ora gli mando il decreto ingiuntivo...", mentre chi si occupa della Produzione dovrebbe essere tedesco: "Ok, allora se vuoi che consegno Rossi, mi dici chi vuoi che ritardo...".

Si noterà che quando il titolare è responsabile in prima persona di più di un macro settore dell'azienda egli, senza rendersene conto, comincerà a fare il venditore con gli amministrativi e a fare l'amministrativo con il venditori, oltre che essere a volte troppo pignolo o creativo con quelli della produzione o con chi gestisce i clienti... Questa ben presto diventa una vera e propria schizofrenia organizzativa. La schizofrenia, infatti, è una malattia psichiatrica che indica che in un paziente vivono contemporaneamente più personalità. Proprio quello che accade, però solo a livello organizzativo, con il titolare dell'esempio di cui sopra. Questa "malattia" finirà con il demotivare tutti e, un po' per volta, porterà quell'azienda ad arenarsi e a smettere di crescere.

Se questo dovesse essere il caso con la tua azienda, prova a capire se è possibile completare la delega con le persone che hai in prima linea, altrimenti ti converrà andare sul mercato e cercare di attirare dei responsabili validi.

Fermo restando che un pizzico di follia va sempre bene, quando questa diventa schizofrenia, tutto invece comincia a cedere.
Scarica allegato
Newsletter

Desideri rimanere aggiornato sui temi del management e della gestione d'impresa?

Iscriviti ora alla nostra Newsletter. Condividi la conoscenza e scopri come migliorare stabilmente le tue performances aziendali.

ISCRIVITI
X
i
Il sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.
ACCETTA